FAQ UDS – CORONAVIRUS

[AGGIORNATE ALLE ORE 18.45 DEL 18/03/2020]

 

 

ENTRA NEL GRUPPO TELEGRAM DEGLI STUDENTI DELLE SCUOLE SUPERIORI PER RESTARE SEMPRE AGGIORNATO: https://t.me/joinchat/JXtjXFUzZnVAYCCTbhgYyw

 

  1. Fino a quando saranno sospese le lezioni in scuole ed Università?

Tutte le attività didattiche sono sospese fino al 3 aprile. Si proseguirà con le lezioni online, come fatto in questi giorni. Sono sospese anche le riunioni degli organi collegiali in presenza.

 

  1. Posso tornare a casa o uscire dal Comune/Provincia/Regione in cui mi trovo in questo momento?

E’ sempre e comunque possibile rientrare presso il proprio domicilio, abitazione o residenza. Si invitano tutti ad evitare ogni spostamento non necessario delle persone fisiche: gli spostamenti in tutto il territorio nazionale sono possibili se motivati da comprovate ragioni di lavoro, casi di necessità, motivi di salute. Sarà possibile autocertificare (anche con moduli forniti seduta stante dalle forze di polizia) le motivazioni degli spostamenti purché veritiere: se si comunica il falso si commette reato.

  1. Ci sono differenze all’interno del territorio nazionale?

No, per effetto del DPCM del 9 marzo le regole sono uguali su tutto il territorio nazionale e sono efficaci dalla data del 10 marzo e sino al 3 aprile.

 

  1. Sono ancora previste “zone rosse”?

No, non sono più previste zone rosse. Le limitazioni che erano previste nel precedente DCPM del 1 marzo sono cessate. Ormai, con il dpcm del 9 marzo, le regole sono uguali per tutti.

 

  1. Saranno attive le linee di trasporto pubblico?

Si, saranno attive. Potrebbero essere ridotte per adattarle alle necessità del DPCM del 11 marzo 2020. Si garantisce comunque a tutti la possibilità di andare a lavoro.

 

  1. Posso uscire di casa?

E’ fortemente consigliata la permanenza presso la propria abitazione per limitare i contatti ed il contagio. Ai soggetti con sintomatologia da infezione respiratoria e febbre (maggiore di 37,5°C) è fortemente raccomandato di rimanere presso il proprio domicilio e limitare al massimo i contatti sociali, contattando il proprio medico curante e NON andando al pronto soccorso.

 

  1. Cosa succede se sono in quarantena?

E’ fatto divieto assoluto di mobilità dalla propria abitazione o dimora per i soggetti sottoposti alla misura della quarantena.

 

  1. Cosa significa “zona protetta estesa a tutta Italia”?

Significa che le restrizioni che, fino ad ora, erano valide per la sola Regione Lombardia e le altre 14 Province individuate nel DPCM dell’8 marzo 2020, dal 10 marzo 2020 saranno valide per tutto il territorio nazionale.

 

  1. Posso andare a studiare a casa di un/una mio/a amico/a?

Il decreto consente solo spostamenti per necessità, esigenze lavorative o ritorno presso la propria residenza, abitazione o domicilio. Andare a studiare da un amico non è uno spostamento necessario e non aiuta a limitare i contatti sociali. Per promuovere comunque solidarietà e cooperazione anche durante queste giornate abbiamo lanciato uno sportello per ripetizioni online tra pari!

 

  1. Posso vedermi con degli amici in città o al bar?

Non è uno spostamento necessario, la logica del decreto vuole che si limitino al massimo gli spostamenti non necessari. Bar, servizi di ristorazione ed esercizi di vendita al dettaglio (tranne farmacie, negozi di alimentari, edicole e tabaccai) saranno chiusi fino al 25 marzo 2020, per effetto del DPCM dell’11 marzo 2020. Non è vietato uscire ma è fortemente consigliato restare a casa: è necessario evitare la creazione di assembramenti e rispettare le distanze di sicurezza. Sono vietati sull’intero territorio nazionale assembramenti non familiari di ogni tipo in luoghi pubblici o aperti al pubblico: senza una valida ragione, è richiesto e necessario restare a casa, per il bene di tutti.

 

  1.  Posso vedermi con degli amici all’aperto?

E’ fortemente consigliato restare a casa. Non è vietato uscire ma è fortemente consigliato restare a casa: è necessario evitare la creazione di assembramenti e rispettare le distanze di sicurezza. Sono vietati sull’intero territorio nazionale assembramenti non familiari di ogni tipo in luoghi pubblici o aperti al pubblico: senza una valida ragione, è richiesto e necessario restare a casa, per il bene di tutti.

 

  1. Bar, ristoranti e pub apriranno regolarmente?

No. Bar, servizi di ristorazione ed esercizi di vendita al dettaglio (tranne farmacie, negozi di alimentari, edicole e tabaccai) saranno chiusi fino al 25 marzo, per effetto del DPCM dell’11 marzo 2020.

 

  1.  Cosa è previsto per teatri, cinema, musei, archivi, biblioteche e altri luoghi della cultura?

E’ prevista la chiusura al pubblico su tutto il territorio nazionale fino al 3 aprile.

 

  1.  Saranno chiusi centri commerciali/medie e grandi strutture di vendita?

Fino al 25 marzo saranno aperti solo negozi di alimentari anche all’interno di centri commerciali/medi e grandi strutture di vendita purché sia garantita la possibilità del rispetto della distanza di sicurezza di 1 metro.

  1.  Le “assenze” da scuola di questi giorni varranno ai fini del conteggio finale delle ore svolte?

No, le “assenze” da scuola per misure restrittive non verranno conteggiate ai fini del conteggio finale.

 

  1.  Il professore può anche solo darmi pagine da studiare o compiti da svolgere?

No, deve assolutamente spiegare e permetterti di fare domande

 

  1. Il professore può mettermi voti?

Sì, i prof ti possono valutare. Chiaramente la valutazione deve essere tempestiva e trasparente, e deve esserti spiegata e devi essere aiutato a migliorare

 

  1. Non mi posso permettere il pc o il tablet per seguire le lezioni online. Come devo fare?

Contatta immediatamente i tuoi professori e il preside. Se la scuola ha pc o tablet già a disposizione, te li devono dare. Se non ce li ha, devono immediatamente fare richiesta al ministero, scrivendo una mail a supportoscuole@istruzione.it 

 

  1. Verrà rimandata la data di fine della scuola?

La Ministra Azzolina intervistata in televisione ha confermato che non verrà rimandata la data di fine della scuola (il 17 Marzo a diMartedì, su LA7)

  1. Come si svolgeranno gli esami di maturità?

La Ministra Azzolina non ci ha dato risposte certe; ha solo dichiarato che “terrà conto dell’emergenza”. Stiamo continuando a contattare il Ministero per avere ulteriori chiarimenti.

 

  1.  Devo finire le ore di PCTO/alternanza?

Se, a causa della sospensione didattica, non riesci a finire le ore di PCTO/alternanza sei comunque ammesso all’esame di maturità.

 

  1. Per le ore di Laboratorio a scuola come si fa?

I prof devono fare lezioni preparatorie, in modo che appena si torna a scuola sarete pronti a svolgere le attività.

 

  1.  Posso andare in palestra?

Non sarà possibile andare in palestra. Sono sospese, fino al 3 aprile, tutte le attività sportive e chiusi gli impianti sportivi. Potrai comunque fare attività motoria all’aperto purché non in gruppo.

 

  1.  Cosa dovrò fare in questi giorni di “zona protetta”?

Ti invitiamo caldamente a restare a casa. E’ necessario impegnarci tutti per limitare al massimo i casi di contagio: approfitta di questi giorni per vedere un film, leggere un libro o prenderti del tempo per riflettere. Abbiamo preparato una guida alla sopravvivenza durante questa pandemia: dacci un’occhiata e modificala a tuo piacimento! 

NUMERI UTILI:

 

In caso di sintomi o dubbi, rimani in casa, non recarti al pronto soccorso o presso gli studi medici ma chiama al telefono il tuo medico di famiglia, il tuo pediatra o la guardia medica. Oppure chiama il numero verde regionale.

 

Le Regioni hanno attivato numeri dedicati per rispondere alle richieste di informazioni e sulle misure urgenti per il contenimento e la gestione del contagio del nuovo coronavirus in Italia:

  • Basilicata: 800 99 66 88 

  • Calabria: 800 76 76 76

  • Campania: 800 90 96 99

  • Emilia-Romagna: 800 033 033

  • Friuli Venezia Giulia: 800 500 300

  • Lazio: 800 11 88 00

  • Lombardia: 800 89 45 45

  • Marche: 800 93 66 77

  • Piemonte:

    • 800 19 20 20 attivo 24 ore su 24

    • 800 333 444 attivo dal lunedì al venerdì, dalle ore 8 alle 20

  • Provincia autonoma di Trento: 800 867 388

  • Provincia autonoma di Bolzano: 800 751 751

  • Puglia: 800 713 931

  • Sardegna: 800 311 377

  • Sicilia: 800 45 87 87

  • Toscana: 800 55 60 60

  • Umbria: 800 63 63 63

  • Val d’Aosta: 800 122 121

  • Veneto: 800 462 340

Altri numeri utili dedicati all’emergenza nuovo coronavirus:

Abruzzo

Nella Regione Abruzzo per l’emergenza sanitaria sono attivi i seguenti numeri:

  • ASL n. 1 L’Aquila:118

  • ASL n. 2 Chieti-Lanciano-Vasto: 800 860 146

  • ASL n. 3 Pescara: 118 

  • ASL n. 4 Teramo: 800 090 147

 Liguria 

  • Nella Regione Liguria è attivo il numero di emergenza coronavirus 112

Molise

  • Nella Regione Molise per informazioni o segnalazioni sono attivi i numeri:  0874 313000 e 0874 409000   

Piacenza

  • Nel Comune di Piacenza per informazioni contattare il 0523 317979: attivo dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 18 e il sabato dalle 8 alle 13

 

Numero di pubblica utilità 1500

Attivo anche il numero di pubblica utilità 1500 del Ministero della Salute.

 

Numero unico di emergenza

Contattare il 112 oppure il 118 soltanto se strettamente necessario.